La settimana di Ferragosto

Si capisce – che è la settimana di Ferragosto – perchè di giorno c’è meno gente in giro che durante il lockdown. Poi perchè fa caldo, l’anticiclone nordafricano fa segnare 37 gradi e molta umidità. Quel tipo di caldo che ispira ai metereologi suggestioni da inferno dantesco. Si capisce anche dalle foto dei politici in … Continua a leggere…

Una splendida giornata

È difficile stare in casa con una giornata così. Difficile spiegare il perché a un bambino di cinque anni, anche con parole semplici. Per gli adulti è più facile: mentre scrivo – e non lo faccio da molti mesi – il numero delle vittime in Italia è salito a 1441. Un numero palindromo, sinistro, terribile. … Continua a leggere…

Italiani, popolo di scrittori.

Tutti scrivono. Un’ossessione compulsiva dilagante, endemica; ha preso giovani, vecchi, bambini. Uomini e donne, persone comuni e personaggi famosi. Ha colpito anche me, purtroppo; mi sto curando con lunghe passeggiate all’aria aperta e farmaci omeopatici orali, tipo la letteratura russa. Un passo alla volta, ci vorrà tempo ma sono ottimista. Mentre affronto il lungo percorso … Continua a leggere…

The Grapes of Wrath

I “Grappoli dell’ira”, bellissimo titolo in lingua originale del romanzo “Furore”, il capolavoro di John Steimbeck. All’Editore Bompiani si deve il titolo dell’edizione italiana del 1940. Facciamo un passo indietro. Prima del romanzo di Steimbeck, vorrei parlare di un tizio che ha un blog e che per almeno sei mesi non si è degnato di … Continua a leggere…